Come iniziare ad usare Google Analytics
Pubblicato:16/06/2020
Guida completa all'utilizzo di Google analytics

Segui questi passaggi per iniziare a raccogliere i dati dei tuoi utenti

1 Crea un account
2 imposta una proprietà
3 imposta una vista
4 Aggiungi il codice di monitoraggio al tuo sito web

Benvenuti in questa guida , in questo articolo affrontiamo quattro passaggi per vedere come iniziare ad usare Google analytics lo strumento di analisi gratuito offerto da Google. Strumento fondamentale per analizzare il comportamento degli utenti che visitano il nostro sito web o app, iniziamo.

Creare un account Google Analytics

Per poter iniziare ad utilizzare questo strumento dobbiamo creare un account, accedi a Google con il tuo Gmail digita Google Analytics nel browser e verrai indirizzato nella schermata di registrazione cosi avrai già creato il tuo account Analytics.

Impostazione proprietà di Google Analytics

Scegli il nome account necessario per identificare la proprietà, seleziona le caselle sotto per collegarti ad altri servizi, leggi ciascuna delle descrizioni per comprendere meglio di che si tratta e decidi quali selezionare, generalmente e’ bene selezionarle tutte per ottenere un buon funzionamento di questo servizio.

Questa opzione ci viene proposta anche nella creazione di un account. Dopo aver scelto nome utente e le caselle da selezionare clicca in basso su successivo. In seguito potrai creare altre proprietà sullo stesso account.

come creare account google analytics

In questa sezione possiamo scegliere cosa vogliamo misurare abbiamo tre opzioni.

scegliere cosa misurare sito web o app con google analytics e profila i tuoi utenti

Scegli cosa misurare

Web Misura il tuo sito web

Ti consente di comprendere la provenienza degli utenti e trasformare i dati in informazioni strategiche, analizzare il comportamento degli utenti e ottimizzare la tua attività. Scoprire le tendenze con l’analisi del rendimento e delle conversioni

Google Apps Misura le tue app iOS o Android

Questa funzione ti consente di comprendere la crescita del numero di utenti e ottenere informazioni sul comportamento dell’app. Acquisire automaticamente gli eventi chiave o definire eventi personalizzati, di aggiungere lo stream web in un secondo momento per misurare il comportamento su più piattaforme.

App e web misura i tuoi utenti nelle app e sul Web

Ti consente di esplorare i dati incentrati sugli utenti su più piattaforme. Di iniziare rapidamente a configurare gli eventi senza codice e a utilizzare i rapporti pronti all’uso. Ti consente inoltre di eseguire l’implementazione, senza necessità di ricodifica. Se utilizzi già gtag.js o Tag Manager nel sito anche questa e una versione beta che verrà ancora perfezionata.

Dopo aver scelto cosa vuoi misurare clicca in basso su successivo, inserisci le informazioni del tuo sito web. Nome e’ il nome che hai scelto per il tuo sito web. Se usi WordPress.org trovi maggiori dettagli in questa Guida su wp. Inserisci il nome dominio comprensivo di http//-https//www.miosito.it lo standard del protocollo e’ selezionabile nell’apposita casella. Se copi l’indirizzo dalla barra del browser, assicurati di non inserire la / finale. Scegli la categoria di settore che rappresenta il tuo sito, imposta il fuso orario, puoi scegliere il paese dal menu cliccabile.

inserire dati del tuo sito web in google analytics

A questo punto, clicca crea in basso e sarai indirizzato nella pagina dove ci vengono forniti, ID monitoraggio e il codice di monitoraggio. Vedremo avanti nella guida, come utilizzare questi dati per collegare il sito WordPress a GA,, che si rivelano fondamentali per poter iniziare ad usare Google analytics.

Impostazione vista di Google Analytics

Ad una proprietà puoi aggiungere fino a 25 viste. Nel momento di creazione della proprietà di default viene creata una vista, che comprende tutti i dati e’, buona pratica non modificare questa vista ma crearne di nuove specifiche per ogni esigenza. Per poter creare una nuova vista, fai clic su amministratore nella barra in basso a destra della home. Se hai più proprietà seleziona quella dove vuoi creare una nuova vista. Nella colonna vista, fai clic su crea nuova, assegna un nome che ti servirà a trovare in modo rapido i dati quando vorrai consultarli. Dopo aver creato una vista puoi tornare in questa sezione e apportare delle modifiche.

Aggiungere codice di monitoraggio in WordPress,org

In questa guida prendiamo come esempio WordPress, per aggiungere il codice di monitoraggio che ci viene fornito da Google analytics. Utilizzare questo cms, abbinato ad un buon servizio di hosting, ci da la possibilità di realizzare siti splendidi e reattivi. Ma torniamo al codice di monitoraggio, con WordPress abbiamo due opzioni per implementare questo servizio.


Il primo metodo consiste nell’installare un plugin sul nostro WordPress. Ne esistono tanti ma in questa guida ti mostro Monsterlnsights abbastanza semplice da usare. Dopo averlo scaricato dalla directory dei plugin WordPress attivarlo e nelle impostazioni aggiungere solo ID di monitoraggio. Questo sarà sufficiente per collegare il nostro sito a GA,questo plugin mostrerà una parte di dati statistici direttamente nella bacheca di WordPress.

Implementa codice monitoraggio manualmente

Se per qualche motivo non vogliamo utilizzare un plugin utilizzeremo il codice di monitoraggio che analytics ci ha fornito in fase di creazione della proprietà, possiamo trovarlo in GA cliccando amministratore, colonna proprietà>codice monitoraggio, copiare tutto il codice e inserirlo nella sezione <head></head> di wp, vediamo come fare.

Questo passaggio varia in base al tema utilizzato. Nei temi free dobbiamo recarci all’interno della sezione aspetto>editor del tema>header php e incollare il codice nel tag <head></head> , come da immagine sotto. Analytics mostrerà i dati dopo 24 ore dal collegamento.

integrare codice monitoraggio di Google Analytics in WordPress nel tag<head>

Nel caso usiamo temi a pagamento come Divi o altri non sarà necessario entrare nell’editor del codice. Nei temi premium sono presenti delle sezioni dedicate dove integrare i codici di monitoraggio.


Come hai potuto vedere non e difficile iniziare ad usare Google analytics questo strumento gratuito di Google. Per il momento ci fermiamo qui, nelle prossime guide di GA inizieremo a trattare argomenti più avanzati.

Spero che questa guida ti sia stata utile a risolvere i tuoi dubbi. Ricorda che iscrivendoti nel box sotto puoi ricevere assistenza gratuita e info speciali, oppure commenta nel box e ti risponderò prima possibile.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *